Chi sono

Dr.ssa Siboni Beatrice

Amo la natura e le persone, mi piace ascoltare più che parlare, adoro leggere e occuparmi degli altri .

Ho deciso di intraprendere gli studi di psicologia dopo la maturità scientifica perché mi piaceva filosofia e mi sembrava che, anche la psicologia, fosse una forma di riflessione che mi poteva arricchire.

Sono partita da Ravenna alla volta di Padova con una macchina piena di cose e la mia fedele amica Licia alla quale devo molto, anche di avermi accompagnato in terra veneta.

Al termine degli studi ho viaggiato un po per l'Europa in cerca di quelle che potevano essere le mie qualità e le ho trovate, prima a Barcellona,  poi ad Oslo ed infine a Verona, dove ho anche tanti cari amici e colleghi; Romina Montresor è l'amica e l'assistente sociale che amo e stimo di più.

Infine grazie ai miei genitoriche mi hanno sempre sostenuto e stimolato a crescere ho conseguito la specializzazione in psicoterapia Rogersiana a Firenze. Interminabili viaggi in treno o in auto e tanta tanta fatica soprattutto nei gruppi di incontro dove veramente ho imparato a conoscere gli altri e a permettere loro di incontrarmi.

Nel 2013 la collega e amicissima Elisa Pastorelli mi ha proposto una formazione ancora più remota, a Bressanone, sull'età neonatale. Lì ho conosciuto la potenza curativa del corpo e poi Thomas Harms il nostro Mestro e Barbara Walker, due persone che ammiro e stimo tantissimo e che mi hanno permesso di cambiare accogliendomi.

In questa ultima formazione mi hanno sotentuo oltre a mio marito Stefano, che  ha usato le sue ferie per stare con i nostri due figli, loro stessi che, attivamente si sono prestati al  massaggio a farfalla e per altre tecniche utilissime al rilassamento e al legame famigliare.

Sono in formazione permanente e ritengo importante anche  rilassarmi in lunghe passeggiate in riva al mare come in montagna e poi apprezzo la compagnia degli amici di sempre e di quelli che ho incontrato più di recente, alcuni sono grandi colleghi con i quali condivido percorsi di formazione e di supervisione ma anche serate e momenti privati di riflessione.